Come fare la salsa rosa

Come fare la salsa rosa

Se amate iniziare un pranzo in famiglia con gli antipasti, vi interesserà sapere come fare la salsa rosa. Un condimento piuttosto noto, dalla preparazione semplice ma che richiede qualche assaggio di prova.

Il nome descrive semplicemente l’aspetto esteriore di primo impatto: il colore tenue della salsa. Questo nasce dall’incontro tra il giallo della maionese e il rosso del ketchup. Ma non pensiate che solo mescolare questi due ingredienti in una certa quantità sia sufficiente a ottenere il piatto desiderato! Per quanto la ricetta in sé sia semplice, l’aggiunta di altri sapori e il loro corretto dosaggio fanno la differenza nel risultato finale.

Sebbene l’aspetto sia delicato, infatti, la salsa rosa ha un gusto deciso, con una leggera nota alcolica. Quest’ultima è data dal cognac. Il sapore pieno, invece, nasce dall’aggiunta di salsa Worcestershire e una punta di senape delicata.

Naturalmente ci sono delle varianti. Il ketchup può essere sostituito dalla salsa Rubra, un concentrato di pomodoro di origine piemontese; una sorta di antenato del ketchup stesso. Per il liquore, qualcuno al cognac preferisce il brandy.

Uno degli utilizzi classici è la preparazione dei gamberetti in salsa cocktail. Ma può accompagnare anche tramezzini, uova sode o pane tostato. Le idee in cucina sono tante e ci si può sempre sbizzarrire. Uno dei migliori siti di ricette originali è sicuramente il sito dolcefarinaricette.it!

La ricetta per fare la salsa rosa

Come già detto, il procedimento per fare la salsa rosa è facile; il segreto è il giusto equilibrio fra tutti i sapori. Per trovarlo, la strada migliore è fare qualche prova, finché avrete preso la mano sulle quantità.

Ingredienti

  • 250 grammi maionese
  • 120 grammi ketchup o salsa rubra
  • 10 grammi (un cucchiaino) senape
  • 5 grammi (mezzo cucchiaino) salsa Worcestershire 
  • 10 grammi (un cucchiaio) di cognac o brandy

Mettete la maionese in una ciotola capiente, che vi permetta di mischiare la salsa comodamente. Unite il ketchup e la senape e amalgamate il tutto con cura. E’ preferibile usare una spatola piuttosto che la frusta, per non smontare la maionese. Aggiungete la salsa Worcerstershire e assaggiate il composto, così da valutare se aggiungerne ancora in base ai vostri gusti.

Infine, il liquore. Mescolate con cura, affinché il liquido sia assorbito completamente. Anche per questo passaggio, effettuate sempre un assaggio.

E’ meglio preparare la salsa qualche ora prima di essere servita, in modo che tutti i sapori si amalgamino al meglio. Questo soprattutto se deve essere accompagnata ad atri alimenti, come per come nel cocktail di gamberetti. Completate il piatto e riponetelo in frigo.

Potete conservare la salsa rosa fatta in casa in contenitore chiuso, meglio se di vetro, in frigorifero, per 4 o 5 giorni al massimo.

La maionese per la salsa cocktail

L’ingrediente base della salsa cocktail è senza alcun dubbio la maionese; da questa, quindi, dipende gran parte dell’aroma del condimento. In commercio ci sono numerose tipologie e marche; potete decidere semplicemente di acquistare quella che meglio risponde ai vostri gusti.

Ma se volete davvero una ricetta completamente home made, potete anche fare la maionese con le vostre mani.

Ingredienti

  • 2 tuorli
  • 25 grammi succo di limone
  • 5 grammi (un cucchiaino) aceto bianco
  • un pizzico di sale
  • 300 grammi olio di girasole (o arachidi)

Due accorgimenti per avere successo con la maionese: uova a temperatura ambiente e olio a filo.

In una ciotola dai bordi alti inserite i tuorli, il succo si limone, l’aceto e il pizzico di sale. Fate partire le fruste e versate a filo l’olio, in modo costante. Non fermate mai le fruste. In pochi minuti, avrete la vostra maionese.

Articoli collegati

Bed and Breakfast: la giusta scelta per le vacanze

Bed and Breakfast: la giusta scelta per le vacanze

Per quali scopi possono essere richieste le spillette personalizzate

Per quali scopi possono essere richieste le spillette personalizzate

Come affrontare il discorso della tesi di laurea

Come affrontare il discorso della tesi di laurea

Quali giacche di pelle portare in viaggio: scopri le più resistenti

Quali giacche di pelle portare in viaggio: scopri le più resistenti