Ciociaria, piatti tipici

Ciociaria, piatti tipici

La Ciociaria è un’area dell’Italia centrale corrispondente approssimativamente alla provincia di Frosinone , nella Regione Lazio , ma senza un confine definito né un’identità storica.

Il nome fu adottato da un movimento fascista di Frosinone come denominazione etnica per la provincia di Frosinone , quando fu creato nel 1927, a seguito dello scioglimento della provincia di Terra di Lavoro (in Campania ), di cui era parte storica.

Il dialetto locale, ora noto come ciociaro , era precedentemente denominato campanino . In tempi più recenti, il termine Campagna Romana , soggetto prediletto di innumerevoli pittori di tutta Europa, si è riferito alla regione confinante a nord della Ciociaria , ma parte della Provincia di Roma .

La Ciociaria ha fiere alimentari annuali, eventi di intrattenimento e festival musicali, oltre a una varietà di feste tradizionali. Le tradizioni religiose, contadine e rurali sono ancora forti e vive. Non mancano le feste dei santi patroni con le loro processioni, esibizioni di bande musicali, cantori e gruppi, luminarie e fuochi d’artificio, sagre e giochi popolari, palii e tornei tra i quartieri del paese.

Durante le manifestazioni popolari si indossano i costumi tradizionali con le tipiche calzature, le cioce , che hanno dato il nome a questa regione “Ciociaria”. Fanno parte del folclore ciociariano i canti, sia sacri che profani, danze come il saltarello , accompagnati dalla musica e dai piatti della cucina locale.

Tanti sono i piatti tipici della tradizione ciociara che vengono riproposti nelle varie fiere che si ripropongono di anno in anno in zona.

Il cibo da queste parti non riguarda le salse raffinate e delicate, la fusione o l’eleganza (anche se alcuni chef new age stanno davvero iniziando a virare su questa zona). È cibo povero sostanzioso e semplice (cucina povera) ma al suo meglio. Si tratta di onorare e mantenere antiche tradizioni e accontentarsi di ciò che la terra offre.

Completamente senza sbocco sul mare, fagioli e legumi giocano un ruolo importante nella dieta ciociara, così come la carne e il pollame. Nessun pesce. E questo è il cuore del vino Cesanese. Esistono due varietà di questo vino rosso morbido e leggero, prodotto in Ciociaria, una delle quali – il Cesanese del Piglio – è l’unico vino certificato DOCG di tutto il Lazio. Ciò significa che è controllato di qualità e garantito per essere stato prodotto solo in 5 comuni (Piglio, Serrone, Anagni, Fiuggi e Acuto) e secondo una rigida serie di linee guida. L’altro, il Cabernet di Atina (DOC) è prodotto in Val di Comino e spesso ha nell’impasto delle uve importate.

C’è una grande varietà di formaggi di latte di pecora e capra; entrambe le varietà fresche invecchiate. La marzolina è un delizioso formaggio di capra prodotto tradizionalmente a marzo e servito grattugiato sulla pasta o accompagnato da marmellate e mostarde. Il Morolo è un altro formaggio di pecora prodotto localmente così come vari tipi di insaccati e salumi.

La Ciociaria è anche il cuore del tartufo. Stagionalmente si possono trovare i bianchetti (un piccolo tartufo che si trova in primavera) e il tartufo nero solitamente nei mesi più freddi. Nei mesi più caldi, e non lontano dall’Abruzzo montuoso, i cacciatori cercano il Tartufo di Campoli Appennino – simile alla varietà di tartufo nero ma meno pungente. Anche i funghi sono grandi nel menu con abbondanza qui per la raccolta.

Gli atinesi coltivano i fagioli cannellini sin dai primi dell’Ottocento. Sono di colore bianco opaco e tenero ed è l’unico fagiolo che non ha bisogno di essere messo a bagno prima della cottura. Il modo più comune per mangiarli qui è nel piatto le sagne e fagioli (una pasta corta fatta in casa che assomiglia a degli avanzi, fatta con acqua, farina e sale).

Anche la produzione di olio d’oliva gioca un ruolo importante.

Articoli collegati

Feste compleanno: spendere tanto non è sinonimo di qualità

Feste compleanno: spendere tanto non è sinonimo di qualità

New Mobility Audi: novità in arrivo per la gamma E-Tron e le Plug-In

New Mobility Audi: novità in arrivo per la gamma E-Tron e le Plug-In

Usato sicuro? Con Audi si può

Usato sicuro? Con Audi si può

Ricambi: risparmiare non sempre conviene

Ricambi: risparmiare non sempre conviene