Parco Naturale Regionale
Monti Ausoni e Lago di Fondi

Custodi di Bellezza

Regione Lazio

Comune di Ceprano (FR)

Riserva naturale Antiche Città di Fregellae e Fabrateria Nova e del Lago di San Giovanni Incarico

Provincia: Frosinone
Popolazione residente: 8.850
Superficie comunale 38,03 km²
Superficie Area Protetta:
CAP: 03024
Prefisso telefonico 0775
Sito web www.comune.ceprano.fr.it

 

Cenni Storici

Ceprano nasce come colonia romana nel 328 a.C. sulla riva sinistra del fiume Liri, con il nome di Fregellae. Distrutta nel 316 a.C. a seguito della sconfitta romana delle Forche Caudine, fu ricostruita a partire dal 124 a.C. A causa dell’interdizione derivante dalla pratica della devotio, i sopravvissuti non poterono ricostruire sul sito dell’originale Fregellae, né darle lo stesso nome. Nacque così Fregellanum; l’antica città fu utilizzata come cantiere per il recupero di materiali edili.

Fregellanum che era posta dagli antichi itinerari a 14 miglia da Frusino (Frosinone) è sicuramente da identificarsi con la moderna Ceprano. Questa città deriva dal nome latino di persona Ceparius con l’aggiunta del suffisso -anus.

Ceprano è sempre stata centro di facili comunicazioni per motivi quasi naturali, appartenuta allo Stato Pontificio era posta al confine con il Regno di Napoli, fu fortificata da Giulio II nel 1503. Nel corso dei secoli, Ceprano è protagonista di molti eventi storici e bellici: nel 548 subisce il saccheggio e l’incendio da parte di Totila, re dei Goti; nel 916 combatte valorosamente contro i Saraceni, dando così man forte a Papa Giovanni X per cacciarli dai paesi occupati. Nel 1080 vi si compie la nomina di Roberto il Guiscardo per i domini della Sicilia, Calabria e Puglia da parte di Gregorio VII, nel 1114 è sede di concilio per opera di Papa Pasquale II. In data 11 ottobre 1254 proprio nel territorio di Ceprano (Ponte sul fiume Liri) si consuma l’umiliazione del principe svevo Manfredi, figlio di Federico II, ad opera del Papa di Santa Romana Chiesa Innocenzo IV. Nel 1259 vi si svolge la battaglia tra Manfredi e Carlo D’Angiò, ricordata ancora oggi con la rievocazione storica (o Palio delle Corti) che si svolge il mese di ottobre di ogni anno.

Nel 1815 vi è sconfitto dagli austriaci Gioacchino Murat. Durante l’Unità d’Italia, dirigendosi verso il Regno di Napoli Giuseppe Garibaldi dopo essere stato a Frosinone e a Ripi, giunge a Ceprano in data 26 maggio 1849 mandando nel Regno Borbonico i bersaglieri diretti dal patriota italiano Luciano Manara, per cacciare i napoletani da Rocca d’Arce. Il giorno successivo Garibaldi pensando di trovare gli svizzeri a San Germano (Cassino) ordinò ai soldati raccolti nella piazza di Arce di avanzare verso la città. Per le sue grandi e importanti vicende, per il suo notevole ruolo di passaggio di popoli ed eserciti posto a difesa dell’estremo lembo dello Stato Pontificio e per la costante e inviolabile fede verso la Santa Sede, Papa Pio IX il 4 agosto 1863 insignì Ceprano del titolo di Città.

Fucilieri irlandesi su Universal Carrier sfilano accanto ai resti di un Nebelwerfer 41 tedesco, 28 maggio 1944.

Nel corso della seconda guerra mondiale, dopo l’armistizio del 1943, Ceprano divenne teatro di guerra; gli abitanti furono evacuati, ma non mancarono azioni di sabotaggio contro l’esercito tedesco. Sei civili furono fucilati per rappresaglia. Statunitensi e tedeschi combatterono accanitamente per giorni fra le macerie dell’abitato. La ricostruzione dovette quindi iniziare da zero. Ad aggravare i problemi fu l’epidemia di malaria che colpì cinquemila degli ottomila abitanti. Soltanto l’uso della DDT pose fine alla strage. Nel 1944 Ceprano divenne retrovia e punto di concentramento per la battaglia di Montecassino. Nel Convento della Madonna del Carmine per questo evento furono ospitati circa diecimila sfollati. Per gli eventi vissuti durante la seconda guerra mondiale, in data 18 gennaio 2005, al Comune di Ceprano fu conferita l’onorificenza di Medaglia d’argento al merito civile

La sua economia, tradizionalmente agricola e artigianale, ha fatto progressi dopo la Seconda guerra mondiale, avvalendosi degli aiuti della Cassa del Mezzogiorno e dell’avvento di alcune industrie, che hanno contribuito ad accrescere il benessere economico della popolazione.

I resti di Homo cepranensis scoperto a Ceprano nel 1994 precisamente in località Campo Grande dal Prof. Italo Biddittù nonché direttore del Museo Preistorico di Pofi (FR)
Inoltre Ceprano ha dato natali a molte illustri personalità (storici, archeologi, giuristi, pittori, artisti, musicisti e letterati), come Antonio Vitagliano, Giovanni Colasanti, Nicola Consoni, Filippo Guglielmi, Amedeo Maiuri, Pasquale Vannucci, Vincenzo Fraschetti, Carlo Magni, Antonio Spinosa e altri ancora. A questi bisogna affiancare anche figure in campo ecclesiastico, missionario e caritativo, come Mons. Pietro Corvi, P. Giuseppe Fraschetti e Mons. Luigi Conti, Nunzio Apostolico in America Latina e in Iraq.

In una domenica del marzo 1994 il direttore del Museo Preistorico di Pofi Italo Biddittu si recò a visionare dei lavori non molto distanti dal centro di Ceprano, dove già in passato aveva scritto documenti di frequentazioni preistoriche, con studi di ben 30 anni sul territorio. Mentre camminava osservando la strada ancora in realizzazione, vide che gli scavi avevano rovinato le stratificazioni geologiche di una zona che conosceva alquanto bene. Il suo occhio esperto notò un frammento di osso piatto sul terreno. Il reperto era stato messo in evidenza dalle piogge; lo raccolse, e successivamente scoprì altri frammenti, tutti appartenenti ad un cranio umano fossile che fu chiamato in seguito Argil o Homo cepranensis. Il reperto è divenuto famoso grazie ai periodici internazionali, come il National Geographic e Le Scienze.

Via Cavour 46
04022 Fondi - Latina - Italia
Tel. +39 0771.513644 - Fax +39 0771.521762
info@parcoausoni.it
C.F.:90045540599
Tesoreria Banca Popolare di Fondi
Cod. IBAN: IT34R0529673973T20990000065

Privacy Policy - Cookies Policy
Web Agency

Regione Lazio