Parco Naturale Regionale
Monti Ausoni e Lago di Fondi

Custodi di Bellezza

Regione Lazio

Cinque rapaci hanno nuovamente spiccato il volo con le… Ali Erniche. Sabato scorso, 20 ottobre 2018, nel territorio di Collepardo

News del 23 ottobre 2018

Nel caldo pomeriggio di sabato scorso 20 ottobre 2018, nel territorio di Collepardo, si è svolta con grande partecipazione e interesse di numerosi cittadini, in particolare bambini e ragazzi, l’iniziativa “Ali Erniche”.

Iniziativa finalizzata al rilascio di 5 uccelli rapaci curati presso il Centro di recupero della fauna selvatica gestito dal Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Fogliano (LT).

Cinque uccelli soccorsi nel territorio dei Monti Ernici, da alcuni cittadini e associazioni, perché feriti e bisognosi di specifiche cure, che in alcuni casi si sono prolungate per diverse settimane o alcuni mesi.

Il rilascio in natura è stata l’emozionante conclusione di un percorso, anche didattico, curato dall’associazione Sylvatica in collaborazione con l’associazione Falconeria D&M.

 

Nelle settimane precedenti sono state coinvolte, infatti, diverse scuole della provincia di Frosinone per promuovere l’iniziativa e spiegare l’importanza della tutela della biodiversità e delle attività di recupero della fauna selvatica, ferita spesso da comportamenti illeciti o poco rispettosi dell’ambiente che ci circonda.

Un ringraziamento particolare va rivolto a tutti i partecipanti e ai diversi Enti che hanno reso possibile l’iniziativa e hanno portato il loro contributo:
il Sindaco Mauro Bussiglieri e tutta l’Amministrazione di Collepardo; il Comandante del Gruppo Carabinieri forestale di Frosinone Ten. Col. Giuseppe Lopez; il Maresciallo Roberto Mayer e i suoi collaboratori, in servizio presso il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Fogliano che gestisce il Centro di recupero della fauna selvatica; il Vice Comandante della Polizia Provinciale di Frosinone Pierfrancesco Vona; i Guardiaparco del Parco naturale regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, che da un paio d’anni gestisce anche porzioni dei Monti Ernici; i Carabinieri forestali della Stazione di Guarcino; le Guardie zoofile dell’associazione Kronos.

L’iniziativa ha permesso a tutti gli enti presenti di portare la loro testimonianza, di farsi conoscere e di confrontarsi sulle loro attività.

 

È stato un bel momento formativo, soprattutto per i tanti bambini e ragazzi che hanno appreso l’importante differenza tra la fauna selvatica, “patrimonio indisponibile dello Stato” e non si deve sottrarre al proprio ambiente naturale, e la fauna domestica, che al contrario non si deve abbandonare per non comprometterne la vita e introdurre nell’ambiente potenziali competitori della fauna selvatica, o portatori sani di malattie contagiose e pericolose per gli altri animali.

Altra rilevante differenza appresa dai più giovani, ma anche  dagli adulti presenti, è stata quella tra un animale selvatico realmente ferito da soccorrere e uno apparentemente in difficoltà ma da non toccare e avvicinare, come è il caso dei piccoli di qualsiasi specie qualora non si è assolutamente certi della scomparsa della madre.

Infine, ampio spazio è stato dedicato al rischio legato all’abbandono in natura di animali esotici che a noi possono risultare inermi e compatibili con i nostri ambienti e invece rappresentano spesso una grande minaccia per la fauna e la flora tipica locale.

Gli interventi hanno fatto emergere anche diverse criticità con cui le autorità ed i cittadini devono fare i conti nel caso in cui ci si trova a dover soccorrere un animale selvatico ferito. Il Centro di recupero di Fogliano, infatti, è l’unico centro presente sul territorio provinciale di Latina e di Frosinone e a questo si è aggiunto di recente il problema delle competenze per il soccorso e trasporto fino a Fogliano degli animali trovati feriti.

Questa era una delle competenze specifiche della Polizia Provinciale che le è stata sottratta a seguito della Legge di riordino degli enti locali (c.d. Legge Del Rio) senza aver definito un ente sostitutivo.

Le associazioni e i cittadini più sensibili al tema cercano di sopperire con risorse proprie e rischiando anche di commettere un illecito.

Via Cavour 46
04022 Fondi - Latina - Italia
Tel. +39 0771.513644 - Fax +39 0771.521762
info@parcoausoni.it
C.F.:90045540599
Tesoreria Banca Popolare di Fondi
Cod. IBAN: IT34R0529673973T20990000065

Privacy Policy - Cookies Policy
Web Agency

Regione Lazio