Parco Naturale Regionale
Monti Ausoni e Lago di Fondi

Custodi di Bellezza

Regione Lazio

Camposoriano (Sonnino)

CamposorianoIl territorio di Camposoriano è caratterizzato da una forte presenza di rocce carbonatiche e da un marcato intervento dell’acqua che lo ha modellato fino a determinare i caratteri paesistici dell’area percepibili dalla forma delle rocce calcaree di diverse sagome e dimensioni. Il Monumento Naturale è nato per la volontà di tutelare un paesaggio unico e suggestivo, risultato di processi erosivi e dell’azione secolare dell’uomo: esso rappresenta uno dei più significativi esempi di comprensorio carsico dell’intero bacino del mediterraneo e conserva gli aspetti significativi della vegetazione dei monti ausoni. Questa zona fu abitata sin dai tempi antichi da popolazioni dedite a caccia pastorizia e artigianato. L’ambiente montano di Camposoriano è uno dei sempre più rari spazi dove la natura convive in armonia con le comunità presenti come testimoniato dai vigneti di Moscato di Terracina e di Cesanese. Per render possibili tali coltivazioni, gran parte delle colline sono state terrazzate con muri a secco. Altre testimonianze storiche dell’attività umana sono le piccole strutture che ricordano la transumanza, chiamate “lestre”

L’area di Camposoriano è ubicata nel territorio dei comuni di Sonnino e Terracina, l’area protetta è estesa per 974 ettari e denominata Monumento Naturale, è stata istituita con Legge Regionale n. 56 del 27/04/1985. La definizione di Monumento Naturale si trova all’interno della Legge Regionale  n. 29 del 1997 che reca “norme in materia di Aree Naturali Protette Regionale” e che così cita: “per monumento naturale si intendono habitat o ambienti di limitata estensione, esemplari vetusti di piante, formazioni geologiche o paleontologiche che presentano caratteristiche di rilevante interesse naturalistico o scientifico”.

Dal mese di aprile del 2002 è divenuta operativa una sede situata all’interno del Monumento Naturale; a partire dal 2008 Camposoriano è stato inserito nel Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, comprendente al suo interno altri tre Monumenti Naturali: “Lago di Fondi”, “Acquaviva – Cima del Monte – Quercia del Monaco” e “Giove Anxur”.

La peculiarità di Camposoriano è costituita dall’ormai celeberrimo hum, denominato “Rava di San Domenico” o “Cattedrale”, un enorme masso calcareo finemente scolpito e modellato dalle acque meteoriche nel corso dei millenni, alto circa 18 mt, che si innalza maestoso al di sopra del pianoro carsico. Questa rilevante formazione geologica non è che l’aspetto più appariscente della grande depressione carsica (detta polje in linguaggio tecnico) che costituisce la conca di Camposoriano e che annovera in pochi ettari un campionario di fenomenologia carsica di grande valenza scientifica e geologica. Particolare menzione va fatta ai due inghiottitoi denominati Chiavica 1 di Zi Checca e Chiavica 2 di Zi Checca, profondi più di 100 mt ed esplorati da vari gruppi speleologici, straordinari esempi di carsismo ipogeo. Le due cavità carsiche, molto note alla popolazione locale, presentano al loro interno numerose concrezioni, tra cui una stalagmite alta oltre 3 mt.

[Camposoriano]

 

Via Cavour 46
04022 Fondi - Latina - Italia
Tel. +39 0771.513644 - Fax +39 0771.521762
info@parcoausoni.it
C.F.:90045540599
Tesoreria Banca Popolare di Fondi
Cod. IBAN: IT34R0529673973T20990000065

Privacy Policy - Cookies Policy
Web Agency

Regione Lazio